ZERO CAFFÈ - Il diritto alla felicità

di Sandro Bonacchi e Andrej  Godina, a cura di Aurora Castellani (Edizioni Medicea Firenze)

“Chi decide se un caffè è buono? Molto spesso è l’abitudine. Da questo libro in poi non sarà più così?” Obiettivo? Redistribuire “ricchezza” lungo tutta la filiera del caffè e inserire una nuova parola nella lingua italiana: FLAVORE
 
Host 2019, Milano Fiera Rho, 20 ottobre 2019 ore 15:00 - All’interno dell’evento TO COFFEE - l’evento formativo di HOST 2019 organizzato da Umami Area e Caffemotive - presentazione del saggio “ZERO CAFFÈ - Il diritto alla felicità” di Sandro Bonacchi e Andrej  Godina, a cura di Aurora Castellani (Edizioni Medicea Firenze)
 
Domenica 20 ottobre nell’area TO TALK di TO COFFEE un progetto editoriale che parla di sostenibilità diviene concreto, scritto a chiare lettere nelle 176 pagine di questo saggio: cambiare il mondo del caffè attraverso azioni concrete che contribuiscano a far crescere la coscienza collettiva per un mondo più bello, buono e giusto. La felicità è una responsabilità sociale - dichiarano gli autori Sandro Bonacchi e Andrej Godina - È possibile fare più felici le persone attraverso una nuova consapevolezza e nuove regole del gioco, utilizzando come strumento la tazzina di caffè”. Il diritto alla felicità è il denominatore comune di tutti gli argomenti trattati nei sette capitoli che compongono il libro, a cui è abbinato all’interno del saggio un diverso colore.
Il caffè si beve! (rosso), ripercorre tutte le tappe della filiera di produzione smascherandone le criticità, dal prezzo troppo basso pagato al coltivatore alla qualità spesso mediocre della bevanda offerta al consumatore. Azzerare (arancione) che proclama una serie di “Basta” alle cattive consuetudini e abitudini del mondo del caffè espresso, rimettendo al centro le persone e la qualità, per una nuova definizione del caffè che include equità sociale e qualità di prodotto. Il buono salverà il caffè (giallo) insegna a ritrovare gli aspetti positivi del caffe, riconoscendo per primi quelli negativi e imparando a rimuoverli. The Italian kiss (verde) ci insegna a riappropriaci dei nostri organi di senso, ormai disabituati alle percezioni quotidiane da nostro stile di vita frenetico e troppo disattento. Ecco a voi il flavore! (blu) ci presenta questo neologismo che ambisce ad essere la nuova chiave di lettura (comprensibile e alla portata di tutti) per comprendere l’assaggio di qualsiasi cibo o bevanda per una descrizione sensoriale semplice ed efficace. Il flavore è la combinazione di aromi, gusti e percezioni tattili, una sintesi di tutte le sensazioni provate contemporaneamente all’atto dell’assaggio. Hashtag #espresso (indaco) riporta l’attenzione sulla bevanda, molto spesso vissuta più come un appuntamento frettoloso al bar che una consumazione consapevole e di qualità. Infine Il diritto alla felicità (viola), il filo rossodellibro, la sua anima. “Il diritto alla felicità è di tutti e dipende da tutti. È una responsabilità sociale della collettività quella di creare maggiore felicità al singolo.
ZERO CAFFÈ è una piccola rivoluzione nel mondo del caffè già dalla trattazione degli argomenti, originale, molto ben documentata e soprattutto motivata dalla convinzione che un altro modo di fare caffè (buono e giusto) non è solo possibile ma è un dovere.
Regalarsi un po’ di felicità e condividerla con gli altri che non la possiedono è la vera sfida dell’uomo contemporaneo - commenta la curatrice Aurora Castellani - . Abbiamo la possibilità di cambiare le cose, riportando un po’ di bellezza nelle nostre vite: cogliamola”.
 
Con i contributi del teologo Piero Coda, dello chef Igles Corelli e del vivaista Paolo Mati - Introduzione di Fabio Picchi.
 
“ZERO CAFFÈ - Il diritto alla felicità” di Sandro Bonacchi e Andrej Godina, a cura di Aurora Castellani (Edizioni Medicea Firenze - 176 p. - € 20,00).
Per informazioni: www.edizionimediceafirenze.it | info@edizionimediceafirenze.it
Per acquistare il libro: http://www.edizionimediceafirenze.it/prodotto/zerocaffe

Scarica estratto stampa